I vincitori di Radici del Sud 2018

Radici del Sud è una manifestazione che da 13 anni lavora per la valorizzazione dei vini (e vitigni) dell’Italia meridionale e che per una settimana ha visto la Puglia protagonista con incontri BtoB, viaggi stampa e un Concorso Internazionale. A latere, il Salone dei vini e degli oli meridionali aperto al pubblico al Castello Normanno Svevo di Sannicandro di Bari con circa 100 aziende espositrici tra vino, olio e prodotti tipici.

Radici-del-Sud-2018In concorso oltre 300 vini divisi per categorie di uvaggio. A giudicarli quattro commissioni di degustazione: due composte da giornalisti, influencer e wine writer italiani e internazionali; due di buyer provenienti da Cina, Stati Uniti, Brasile, Olanda, Svezia e altri paesi europei. Concorde il giudizio dei commissari per una progressiva e costante crescita della qualità media dei prodotti negli ultimi anni che pongono i vini del Sud da vitigni autoctoni come un’opportunità di proposta alternativa a denominazioni più diffuse in molti mercati.

Ecco i premi decretati dalle due giurie, prima quello dei giornalisti e immediatamente a seguire quello della giuria dei buyer. Non c’è quindi una classifica tra i due vini che seguono ogni categoria, essendo entrambi arrivati primi per una delle giurie.

Spumanti bianchi da uve autoctone:
– D’Araprì Pas Dosé, D’Araprì Spumante Classico (primo anche dai buyer)
– per i giornalisti ex aequo Leggiadro 2014, Produttori di Manduria ;

Spumanti rosé da uve autoctone:
– Centocamere Rosé 2016, Barone Macrì;
– Galetto 2017, Colli della Murgia;

Falanghina:
– Elis 2017, Elda Cantine;
– Falanghina 2017, San Salvatore 1988;

Grillo:
– Grillo Parlante 2017, Fondo Antico;
– Rocce di Pietra Longa 2016, Centopassi;

Greco:
– Greco di Tufo 2017, Fonzone;
– Greco di Tufo Claudio Quarta 2016, Sanpaolo di Claudio Quarta Vignaiolo;

Malvasia:
– Donna Johanna 2017, Cantine Tre Pini;
– Verbo Malvasia 2017, Cantina di Venosa;

Fiano:
– Clara 2016 Giancarlo Ceci Vini;
– Sequoia Irpinia Fiano 2016, Fonzone;

Nero di Troia:
– Augustale Castel Del Monte Nero di Troia Riserva 2013, Grifo (unico caso di vincitore assoluto della categoria per entrambe le giurie);

Primitivo:
– Nivvro 2016, Cantina Fiorentino;
– Sellato 2015, Tenuta Viglione;

Aglianico:
– Vigna dei Russi 2013, Tenuta Cobellis;
– Massaro 2015, Viticoltori Lenza;

Minutolo:
– Tufjano 2017, Colli della Murgia;
– Minutolo Alture 2016, Cantine Paolo Leo;

Rosati da vitigno autoctono del Sud Italia:
– Terra Cretosa Aleatico 2017, Borgo Turrito;
– Faragola 2017, Placido Volpone;

Gruppo misto vini bianchi da vitigni autoctoni:
– Civico 44 2017, Tenuta Fontana;
– Adènzia Bianco 2017, Baglio del Cristo di Campobello;

Negroamaro:
– Campo Appio Negroamaro 2016, Cantine San Pancrazio;
– F Negroamaro Salento 2015, Cantine San Marzano;

Gruppo misto vini rossi da vitigni autoctoni:
– Somiero 2015, Le Vigne di Sammarco;
– Lamezia 2017, Statti;

Nero d’Avola:
– Nero d’Avola Magaddino 2017, Magaddino;
– Alto Nero 2015, Tenuta Rapitalà;

Aglianico del Vulture:
– Aglianico del Vulture Michelangelo 2013, Cantina del Vulture;
– Aglianico del Vulture Quarta Generazione 2013, Quarta Generazione;

Taurasi:
– Taurasi Rosso 2012, Sertura;
– Taurasi Scorzagalline Riserva 2011, Fonzone;

Vini Bio:
– Nivvro 2016, Cantina Fiorentino.
– Sellato 2015, Tenuta Viglione.

A chiudere la giornata di apertura al pubblico, frequentata da una platea qualificata di operatori professionali, il convegno Autoctoni e ristorazione: l’identità per sfidare i mercati internazionali, nel corso del quale sono emerse nuove idee e proposte per rilanciare una collaborazione fattiva tra vini autoctoni del Sud e la ristorazione italiana nel mondo, che può essere sempre più volàno per la penetrazione nei mercati internazionali.

In attesa della XIV edizione di Radici del Sud, dal 4 al 10 giugno 2019, l’organizzazione sarà già in moto dal 28 giugno di quest’anno per Aspettando Radici del Sud con i 50 Rosati del Sud della XIII edizione, degustazione e confronto tra i diversi areali del Sud vocati al rosato che si terrà a Fano presso l’Osteria del Pisello.

Qui l’elenco completo dei premiati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.