Gelato? Sì, grazie

GelatoÈ scoppiato il caldo.

Ormai pare che non ci siano tentennamenti, l’estate è qui e con essa le classiche alte temperature.
Mentre siamo in ufficio o a casa e sogniamo spiagge tropicali o, più semplicemente, il weekend al mare, c’è qualcosa che ci dà comunque il gusto della vacanza: il gelato. Ma il gelato viene spesso vissuto anche come alimento trasgressivo, un peccato di gola che paghiamo con qualche rischio per la prova costume, che a questo punto dell’anno cala come una mannaia i suoi risultati. Il gelato ci farà “bocciare”?

Andiamo a dare un’occhiata e cominciamo subito a sfatare il mito di cibo ingrassante e ipercalorico. Tutti sappiamo, magari in maniera un po’ nebulosa, che i gelati di crema sono più calorici di quelli di frutta, ma quanto lo sono? Ecco qua: 100 grammi di gelato alla crema contengono circa 220 calorie mentre 100 grammi di gelato alla frutta circa 100. Vi sembrano tante? Sappiate che gli stessi 100 grammi di fette biscottate (un alimento che pare “innocuo”) ne apportano 410, una crostata di marmellata meno (ma sempre molte di più): 339, per non parlare di cose come la Nutella (537) o il cioccolato fondente (542). Se poi volessimo considerare i cosiddetti snack, le classiche merendine, ci muoviamo in un ambito che varia tra le 350 e le 460 calorie o magari quel pacchetto di popcorn sgranocchiato al cinema… 383 calorie per 100 grammi. È vero, i pop corno sono leggeri, ma non per questo se ne possono mangiare in quantità.

Allora torniamo ai nostri gelati. Abbiamo visto che il loro apporto di calorie è assolutamente “sopportabile” per il nostro organismo, come sempre vale la regola delle giuste quantità.

Possiamo allora inserire il gelato nella nostra alimentazione? Possiamo concedercene uno così, quando ci viene voglia?

Uno studio realizzato all’Università degli Studi di Milano dal Dipartimento di Scienze e tecnologie alimentari e dal Centro di Studi e ricerca sull’obesità dimostra che il gelato artigianale è un alimento bilanciato ed equilibrato, che per le sue qualità nutrizionali più che un dessert può essere considerato un vero e proprio pasto in miniatura, perché nella sua composizione risulta esserci un’ottima proporzione tra proteine, carboidrati/zuccheri, grassi. Quindi oltre ad essere un piacere, è anche un alimento nutriente e digeribile, adatto a tutti e soprattutto ai bambini.

Abbiamo visto quante calorie contiene un etto di gelato. E oltre alle calorie? Troviamo mediamente 4 grammi di proteine, 26 di carboidrati e 9 di grassi (questo per le creme, i gelati alla frutta apportano meno grassi e calorie, e un maggior contributo di vitamine).
Le proteine sono del tipo considerato elevato valore biologico (quelle del latte e dell’uovo), ricche di amminoacidi essenziali, facilmente digeribili e assimilabili, fondamentali nei processi di crescita, di differenziamento e di mantenimento dei tessuti.

GelatoAnche il contenuto lipidico (i grassi) è rappresentato da grassi di buona qualità, acidi grassi “a catena corta”, che vengono consumati velocemente dal nostro organismo.

Come carboidrati parliamo in realtà di zuccheri: lattosio e saccarosio, che sono una fonte immediata di energia, di rapido assorbimento, indispensabili per il metabolismo del tessuto nervoso e i globuli rossi. Importante sia nella crescita che dopo l’attività sportiva.

Infine le vitamine (e i sali minerali). Sono quelli derivati dal latte: le vitamina A e B2 (riboflavina), calcio e fosforo, con quantità di sodio molto ridotte. Poi potassio, vitamina C dalla frutta acquosa, vitamina E ed acidi grassi polinsaturi dalla frutta oleosa, elementi antiossidanti dal cacao e dal caffè (a seconda dei gusti scelti).

Possiamo concludere, quindi, che il gelato più che un alimento voluttuario può essere considerato un alimento integrante della dieta. Smettiamola quindi di penalizzarci e corriamo in gelateria.

PS. Sono state studiate e messe a punto diverse formule di gelati che aiutano chi ha problemi di salute: come ad esempio gelati per chi è intollerante al lattosio (come sorbetti, ghiaccioli o granite), per chi è intollerante al glutine (basta controllare attentamente la lista degli ingredienti). Non è detto che si debba rinunciare per forza a uno dei più grandi piaceri dell’estate…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.